SEI IN > VIVERE RAVENNA > CRONACA
articolo

Contrasto alla violenza di genere: tre arresti in meno di una settimana

1' di lettura
16

Intensa l’attività svolta dalla Polizia di Stato di Ravenna dall’inizio dell’anno. Oltre alle numerose audizioni protette svolte dagli organi investigativi - Squadra Mobile e Commissariati - di persone vulnerabili al fine di chiarire le dinamiche violente e assicurare tutela alle vittime, in materia di misure di prevenzione, su proposta della Divisione Anticrimine, tre soggetti accusati di maltrattamenti in famiglia, attesa la pericolosità sociale degli stessi ed al fine di garantire la tutela della vittime, sono stati sottoposti alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale aggravata.

Inoltre, sono stati avviati diversi procedimenti amministrativi finalizzati all’adozione della misura di ammonimento adottata dal sig. Questore di Ravenna, Lucio Pennella, per violenze fisiche e psicologiche.

Di estremo rilievo l’attività delle Squadre Volanti nell’ambito del pronto intervento a fronte delle segnalazioni rientranti nel c.d. Codice Rosso, culminata in meno di una settimana con ben tre arresti.

In particolare è stato rintracciato e poi arrestato un soggetto per aver trasgredito il divieto di avvicinamento alla propria compagna.

Negli ultimi giorni le altre due misure di restrizione eseguite in stato di flagranza: una per stalking nei confronti di un cittadino italiano che minacciava ripetutamente la moglie, mentre l’altra a carico di un soggetto straniero che maltrattava e aggrediva la moglie e contestualmente inveiva prepotentemente contro i poliziotti che riuscivano ad arrestarlo, assicurandolo alla giustizia ed evitando conseguenze pregiudizievoli per la vittima estremamente impaurita.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Telegram di Vivere Ravenna.
Per Telegram cercare il canale @vivereravenna o cliccare su https://t.me/vivereravenna
Sono attivi anche i nostri canali social: Facebook: facebook.com/vivereravenna/ e Twitter: twitter.com/Vivereravenna


Questo è un articolo pubblicato il 16-01-2024 alle 12:20 sul giornale del 17 gennaio 2024 - 16 letture






qrcode